Book-Safari

Nelle brochure degli hotel Movenpick può mancare la foto della Jacuzzi ma non quella della biblioteca, senza la quale il benessere (Wellness è la parola che campeggia sui plessi appositi) non sarebbe realmente completo. In quella del resort di El Quseir, ex porto sulla costa egiziana del Mar Rosso, il tedesco batte l'inglese 7 a 2. Uno scaffale e mezzo è riservato ai libri in lingua italiana, uno agli Other Languages. Sugli scaffali tedeschi molte traduzioni dall'americano ma anche qualcuna dal francese e un Valerio Massimo Manfredi. Handke è ben rappresentato: c'è anche La donna mancina, in un passo del quale il marito di lei riporta da un romanzo inglese questa considerazione: "Essere l'oggetto di questo fiero e rispettoso lavoro di servo, significava per lui, sia pure per il breve spazio di un tè, non soltanto la conciliazione con se stesso bensì stranamente anche la conciliazione con tutta la razza umana".

Non c'è descrizione migliore degli effetti del trattamento Movenpick (catena svizzera) sugli ospiti. Con una differenza: nelle brume nordiche il lavoro sarà fiero e rispettoso, certo non rilassato e cordiale. Qui si ha la percezione che gli opposti siano conciliabili. Ci si è rassegnati all'idea che l'efficienza nordica sia la naturale compagna della freddezza e della rigidità, così come la cordialità e l'ospitalità mediterranea sembrano inscindibili dalla pigrizia e dal menefreghismo. Ma a El Quseir la solerzia si accompagna al sorriso (quello vero, non quello da hostess), alla capacità di scherzare con i colleghi e, se è il caso, garbatamente, con i clienti. Non c'è uomo, dall'inizio della giornata alla fine del turno, la cui voglia di salutare appaia appannata. Questo, s'intende, è personale accuratamente selezionato, felice dei suoi privilegi. Specie il direttore di sala. Che però, invece di sfoderare l'arroganza tutta particolare di chi nei paesi caldi è investito da un'autorità, non esita a ritirare i piatti sporchi quando necessario. Senza perdere il sorriso. E al più oscuro degli operai, che è stato addestrato solo a non comparire, chi impone tutta quella amorevolezza per i bambini?

Sul mestiere
Siamo seri
Labranca ha ragione
La lettera dello spedizioniere
L'arte è nostalgia e autobiografia

Sui massimi sistemi
Amore precario, lavoro eterno
Banane
Natalità, ovvero innaturalità
CNN e Radiotre
Andate a quel paese (migliore)
Caino, questo consumista
Il ricettario del Signor G.
I nemici della pubblicità
La tua fetta è più grande della mia

Report
In bagno con Claudia Koll
Stargate Gargano
Book-Safari
Ciudadela pentagonale
La lotteria della carne